Contaminafro è un progetto dell'Associazione culturale ARCI Mo'o mendama

Instagram

Dialoghi in evoluzione | Contaminafro 2019

Dialoghi in evoluzione | Contaminafro 2019

Contaminafro non è solo musica, arte e danza.
Contaminafro è anche uno scambio culturale costruttivo.
Vi invitiamo alle nostre conferenze con artisti, scrittori, psicologi, antropologi, giornalisti, professori, umanisti, economisti, ecc.
A cura dell’Associazione ACUABA.

19/06
ore 19
Proiezione del film Straniero io? | Contaminafro 2019

Straniero io - Contaminafro2019.
Il film documentario, girato a Monza, che si interroga su cosa significa essere straniero oppure italiani d’origine straniera.
Un sorprendente mosaico di volti, un mix di parole, sorrisi e pensieri di chi è considerato “straniero” per il colore della pelle, per il modo di parlare, per il velo indossato, per quei pregiudizi, difficili da estirpare, che tendono a etichettare le persone.
Il film è stato realizzato per il progetto “Cronache d’integrazione” con il contributo del Comune di Monza, Assessorato alle Pari Opportunità, Servizio Pari Opportunità, Partecipazione e Giovani attraverso il bando “Opportunità in Rete”, all’interno dei percorsi di coesione sociale. Durata 70 minuti
Presenza del regista, qualche protagonista, antropologi in dibattito.

20/06
ore 19
MILANO CHE ACCOGLIE
Il futuro dell’inclusione e del welfare. Accogliere e includere: il significato di queste parole oggi. Lo sviluppo umano e la promozione delle capacità. La moderna questione sociale. La reciprocità tra generazioni e il patto di cittadinanza tra italiani e stranieri è il riformismo che costruisce il futuro.
Per un welfare dello sviluppo umano.
Il lavoro che dobbiamo svolgere è preparare delle alternative.
Parlare del modello Milano che ha funzionato, che funziona e dei progetti da integrare.
– Politiche sociali Comune di Milano
– OLINDO CANALI – Magistrato tribunale di Milano sessione Immigrazione
– Dr. Francesco Bottene – Comune di Abbiategrasso – Assessore bilancio Patrimonio rilancio economico delle attività e delle imprese
– Avv. Marika Pisano – esperta in immigrazione
– Giovanna Asonte – Studio Consulting Immigrazione
– Maria Santovito – Migration Solutions
Fondazione Franco Verga-COI – Paolo Ballerio
Ciessevi Milano – Silvia Cannonieri, responsabile Area Cultura
– Raffaele Masto – Giornalista Rivista Africa
– ACUABA – Sassou Efoe Mawuena Joseph

MODERATRICE: VERONICA CETTA – GIORNALISTA

21/06
ore 19
L’economia italiana e gli artisti immigrati.
L’economia italiana ha bisogno degli artisti immigrati per rispondere al mondo d’oggi?
Guardando ai dati economici dell’Italia si risponderebbe di sì. Ma spaccando questi dati in vari settori che compongono l’economia italiana, la produzione culturale dell’immigrato sembra non avere mercato. Le porte del mondo dell’arte sembrano chiuse alla diversità nonostante l’arte per sua natura fosse il luogo dell’inclusione.
Un aspetto dell’economia che darebbe giovinezza all’Italia nel mondo.
– Alessia De Luca (giornalista sky24)
– Eugenio Torrese (direttore dell’agenzia d’integrazione di Bergamo)
– Valeria Abbo (Storica d’arte)
– Gaston Biwole (regista e sceneggiatore)
– Chiara Allegri – Museo Etnografico

23/06
ore 19
Ha ancora senso la parola femminismo nella società di oggi?
Per decenni la parola femminismo è sempre stata indirettamente legata alla parola potere. Sono stati creati nel corso degli anni movimenti il cui principale messaggio era la lotta per l’emancipazione delle donne. Una lotta rivolta a rovesciare una visione patriarcale. Oggi basta guardare alcune società nel mondo, principalmente, l’Africa e il Medio Oriente per capire il passo compiuto dall’Occidente in questa battaglia. In una società cosmopolita dove la diversità del genere s’incrocia con culture diametralmente opposte: è ancora possibile parlare di femminismo?

– Aminata Kida (attivista e storica d’arte)
– Silvia Marongiu (forum immigrazione)
– Sara Sayed (ass.Aicha)
– Aglaya Lu Jimenez (ass. peace words)

24/06
ore 19
L’immigrato: il lavoro è terapia – prospettive, processo e inserimento.
Se vogliamo che l’immigrante s’inserisca nella nostra società, la prima cosa da fare è ricordare il motivo per il quale è arrivato, ovvero migliorare le sue condizioni di vita grazie al lavoro. Quindi, la soluzione è aiutarlo a trovare ed esercitare una professione.
Il contatto tra culture diverse comporta una serie di complessi fenomeni comunicativi personali e sociali. Per quanto, infatti, l’interazione tra valori, comportamenti e modalità di concepire la vita e il mondo possa arricchire una persona, all’inizio genera comunque ansia e incertezze.
’immigrazione è un fatto inarrestabile, ma dal quale tutti possiamo trarre benefici se la si accetta in modo appropriato, altrimenti si può convertire in un problema angoscioso in prima istanza per gli stessi immigrati nel vedersi non regolarizzati.
Comune di Milano – Politiche sociali
Università degli Studi di Milano-Bicocca – Scienze umane per la formazione – Prof. Laura Formenti
– Centro Formazione Boston/Bloom – Progetto ASCEIPA Alta Scuola di Counseling ed Educazione Interculturale Per Adulti – Isabella Labate, team di coordinamento
– Maria Santovito Migration Solutions
– Fondazione Verga – Tania De Franchi
– ACUABA – Sassou Efoe Mawuena Joseph

MODERATRICE: STEFANIA RAGUSA – SCRITTRICE E GIORNALISTA

Contaminafro 2019 | Fabbrica del Vapore, 18-29 giugno
Comune di Milano – Fabbrica del Vapore
www.contaminafro.com

No Comments

Leave a Reply

it_ITItalian
it_ITItalian